LinkedIn si quota in borsa

LinkedIn Share Sale May First in Wave Social Media IPOs .jpeg

LinkedIn potrebbe essere la prima azienda americana di social-networking a quotarsi in borsa. L’offerta pubblica iniziale (IPO) consentirà all’azienda di rastrellare circa 175 milioni di dollari. Il più grande network diprofessionisti con più di 500 milioni di utenti arriva in borsa dopo gli ottimi risultati degli anni precedenti. L’anno scorso ha raggiunto e superato il break-even e in meno di tre anni ha più che triplicato il fatturato.

Molte altre aziende e start-up seguiranno LinkedIn tentando di replicare le fortune dei pionieri di Internet come Google e Amazon.  Anche Groupon Inc. dopo aver  rifiutato l’offerta di Google da 6 miliardi di dollari è in “talking”  con alcune banche per la pianificazione di una IPO già per quest’anno, mentre Facebook potrebbe quotarsi nel 2012.

Facebook è già valutata oggi  50 Miliardi di Dollari.

[via Bloomberg]

 

 

Annunci

LinkedIn il primo Social-Network in borsa

LinkedIn Share Sale May First in Wave Social Media IPOs .jpeg

LinkedIn potrebbe essere la prima azienda americana di social-networking a quotarsi in borsa. L’offerta pubblica iniziale (IPO) consentirà all’azienda di rastrellare circa 175 milioni di dollari. Il più grande network con più 500 milioni di professionisti aveva già pianificato l’ingresso in borsa dopo gli ottimi risultati degli anni precedenti. L’anno scorso ha raggiunto e superato il break-even e in meno di tre anni ha più che triplicato il fatturato.

Molte altre aziende e start-up seguiranno LinkedIn tentando di replicare le fortune dei pionieri di Internet come Google e Amazon.  Anche Groupon Inc. dopo aver  rifiutato l’offerta da 6 miliardi di dollari da Google sta discutendo e pianificando con alcune banche una IPO per quest’anno, mentre Facebook potrebbe già quotarsi nel 2012.

Facebook è già valutata oggi  50 Miliardi di Dollari.

 

 

 


Report – iPhone e iPad nelle aziende

good.jpg

Good Technology Q4 2010 ha rilasciato l’ultimo report sui dispositivi mobile che dimostrano l’enorme crescita di iPad nel segmento aziendale Enterprise.  Le trendline del report [Documento in PDF] parlano da se,  il grande impatto di iPhone e iPad continuano a ridisegnare il mercato mobile. .

 


Autenticazione e micropagamenti con l’ NFC

nfc.jpg

Il Near Field Communication (NFC) è una tecnologia wireless a corto raggio che consente di trasformare un dispositivo mobile in una carta di credito elettronica, una smartcard di autenticazione “contact-less” per l’online-banking o semplicemente una chiave di accesso sicura per la rete aziendale.

Questa tecnologia è già disponibile in Asia e potrebbe affermarsi anche qui da noi nei prossimi 3-5 anni, specialmente se, come si rumoreggia ormai da tempo, Apple la adotterà nella prossima versione di iPhone 5 così come HTC, Samsung, Nokia , RIM e la stessa Google sul proprio Nexus S.

Il 2011 può essere l’anno della commercializzazione e dei grandi annunci di rinnovata competizione trai big del mercato Mobile.

Un’altra applicazione interessante è il Remote Computing via NFC. Ciò consentirebbe all’utente di portare con se i propri dati sensibili sul dispositivo mobile (Documenti,  Profilo,  Bookmarks, Configurazioni, Passwords etc.) per poi renderli disponibili semplicemente posizionandosi in prossimità di un qualsiasi computer desktop. Sostanzialmente trasformandolo in quello proprio ( tipo roaming ) fino a che l’utente non si allontana interrompendo la comunicazione a corto raggio.

Un sistema molto veloce di autenticazione particolarmente adatto ai micro-pagamenti, “en passant” ticketing  e ovviamente anche al semplice trasferimento dati tra dispositivi, molto più veloce, facile e sicuro dell’attuale tecnologia Bluetooth.

Nei video seguenti vengono mostrati alcuni esempi:


 

 


iPhone vs Android – Chi è il più aggiornato?

graph-last-os-distrib.jpg

Uno studio condotto dall’azienda che ha realizzato Bump rivela che statisticamente il 90% degli utenti iPhone mantiene il proprio sistema operativo (iOS) aggiornato all’ultima versione disponibile. Situazione diversa in casa Android, gli utenti che aggiornano il device all’ultima release sono un misero 0,4%  Ma pur considerando che l’ultima versione è uscita da poche settimane la precedente versione non ha fatto meglio:  51,8%.  Quindi solo un utente su due ha aggiornato il proprio smartphone alla migliore versione disponibile.  Dati che fanno riflettere sulle difficoltà da parte dei produttori OEM (samsung, LG e altri ) di stare al passo con Google. L’unico device che al momento garantisce l’aggiornamento ad Android 2.3 “Gingerbread” è il Samsung Nexus S.

Più del 35% dei smartphone che montano Android sono ancora fermi addirittura alla versione 2.1 del sistema operativo. La verità è che il 99.6 % degli utenti Android che hanno visto la nuova versione 2.3 non possono utilizzarla. Ancora tanta strada da percorre per Google e sempre che questo modello di business così com’è risulti vincente. Inoltre si può pensare che un modello tutto Google sia più vicino di quanto si immagini.


Nuovi sensori per il jack delle cuffiette di iPhone

Il Progetto HiJack in fase di studio all’Università del Michigan è in grado di utilizzare il connettore delle cuffiette iPhone per alimentare e trasferire dati da piccole periferiche esterne. Ne esistono già alcuni in commercio, come il lettore di carte di credito della Square, ma questo progetto ne espande l’utilizzo a sensori ancora più sofisticati quali la lettura della pressione sanguigna, concentrazione di zucchero nel sangue, presenza di monossido di carbonio e altri ancora. Al momento il lavora è ancora ad uno stato iniziale ma è già in grado di trasferire dati all’ iPhone tramite questa porta.

 


Windows 7 SP1 RTM Leaks

SP1

La RC di Windows 7 è già disponibile da fine Ottobre, ma una copia piratata della release ufficiale lascia pensare che per la fine del mese verra resa disponibile ufficialmente la versione finale tramite Windows Update. Microsoft ha commentato Venerdì il completamento della versione RTM del primo service pack ed è stata già rilasciata ai più stretti partner OEM per integrarlo nei nuovi modelli di PC.

leaked copy torrent name 7601.17514.win7sp1_rtm.101119-1850