Archivi del mese: aprile 2007

I buchi neri possono essere dei portali ad altri universi?

Gli astronomi hanno identificato diversi oggetti simili a dei buchi neri. Ma questi oggetti, invece, potrebbero essere dei ‘portali’ ad altri universi, chiamati anche wormholes. Uno studio condotto da alcuni fisici ci dice che la differenza tra questi tipi di oggetti stellari non è dimostrabile. Hanno scoperto che i wormholes posso apparire identici a i buchi neri. Una differenza però è certa, mentre un viaggio all’interno di quest’ultimo ci porterebbe a sicura morte, in un wormhole ci si potrebbe ritrovare dall’altro capo in un altro universo con altre stelle e pianeti.

continua qui [newscentis.com – in inglese]

quest’articolo mi ha fatto venire in mente un frase di battisti/mogol in una loro famosissima canzone… “L’universo trova spazio dentro me” !!

Annunci

Google e’ il primo brand al mondo

Con una progressione annua del 77%, il brand Google diventa il primo al mondo con un valore di 66,4 miliardi di dollari. Google scalza cosi’ dalla vetta Microsoft (-11% a 54,9 mld), che subisce anche il sorpasso di General Electric (+11% a 61,8 mld). Nella classifica 2006 dei marchi Top 100 su scala globale nel 2006, i vertici sono dominati dalle compagnie hi-tech mentre l’Italia piazza Tim e Gucci, rispettivamente al 75mo e 89mo posto con valori pari a 8,4 e 6,5 miliardi.

[fonte ANSA]


Rilasciata la nuova versione di Ubuntu “Feisty Fawn”

Circola in rete la voce del rilascio ufficiale di Ubuntu 7.04 “Feisty fawn”.
(Alcuni screenshot si posso vedere qui Ubuntu e Kubuntu)

Una recensione del nuovo S.O. è disponibile qui in lingua inglese.


Mac OS 10.5 Leopard rinviato ad ottobre

Comunicato Apple:

“iPhone ha passato molti dei suoi test di certificazione richiesti è sarà distribuito a giugno come previsto. Non vediamo l’ora che i nostri clienti possano mettere le loro mani (e le loro dita) su di esso, e provare cosa sia un prodotto rivoluzionario e magico. Tuttavia, iPhone accoglie il software più sofisticato mai sviluppato per un dispositivo mobile, e finirlo in tempo è una cosa che non si può ottenere senza pagare un prezzo. Abbiamo dovuto prestare alcuni ingegneri chiave del software e di testing, dal nostro team dedicato a Mac Os X, con il risultato che non saremo in grado di distribuire Leopard al WWDC, agli inizi di giugno, come precedentemente pianificato. Mentre le feature di Leopard saranno complete per allora, non potremo distribuire un prodotto alla qualità che noi, e i nostri clienti, ci aspettiamo da noi stessi. Il nostro obiettivo ora è di mostrare agli sviluppatori una versione vicina a quella finale di Leopard, alla conferenza, dando loro una copia beta da portare a casa, per fare i loro test finali. Leopard, invece, sarà venduto ad ottobre. Noi crediamo che varrà l’attesa. La vita spesso ci presenta delle scelte, e in questo caso siamo certi di aver fatto quelle giuste”.