Archivi del mese: settembre 2007

Seria vulnerabilità in Acrobat Reader

Il ricercatore Petko Petkov, che ha già scoperto recentemente una vulnerabilità di Quicktime nel browser firefox, dichiara di aver scoperto una nuova falla che permetterebbe di eseguire codice arbitrario quando si apre un documento PDF maliziosamente preparato. Il ricercatore non ha pubblicato nessuna nota tecnica se non un video. Pare che Adobe ha confermato la vulnerabilità. Se questo tipo di exploit si diffonde potrebbe causare seri problemi in quanto i PDF usualmente sono aperti in automatico dai browser web.


Cinesi preparano cyber-attacco

Si diffonde l’allarme guerra informatica. Il segretario della Difesa francese denuncia: “Siamo nel mirino dei pirati informatici da almeno 4 mesi” .

PARIGI – L’attacco cibernetico cinese contro i sistemi informatici delle potenze occidentali, soprattutto quelli di impiego militare, non ha risparmiato la Francia. Dopo gli Usa, la Gran Bretagna e la Germania, ieri si è scoperto che anche Parigi è finita nel mirino degli “hacker rossi” “almeno da quando è stato eletto presidente Nicolas Sarkozy”, e cioè da quasi quattro mesi. “Un affare molto serio”, ha dichiarato ieri a le Monde Francis Delon, segretario generale della difesa nazionale, che però è stato prudente sugli autori dell’attacco: “Non abbiamo indicazioni che provenga dall’esercito cinese”.

continua qui [repubblica.it]


Apple iPod Touch: nuova rivoluzione


Dimensioni e peso
Altezza: 110 mm
Larghezza: 61.8 mm
Profondità: 8 mm
Peso: 120 grammi

Audio
Formati supportati: AAC (16 – 320 Kbps), AAC Protetto (da iTunes
Store), MP3 (16 – 320 Kbps), MP3 VBR, Audible 2, 3 e 4, Apple Lossless,
AIFF e WAV.

Video
H.264 fino 2.5 Mbps, 640 by 480 pixels, 30 fps con audio AAC-LC fino
a 160 Kbps nei formati .m4v, .mp4 e .mov e MPEG-4 fino 2.5 Mbps, 640 by
480 pixels, 30 fps con audio AAC-LC fino a 160 Kbps nei formati .m4v,
.mp4 e .mov.

Wireless
Wifi 802.11 b/g

Prestazioni
Autonomia fino a 22 ore (5 ore di riproduzione video)

Display
3.5″ widescreen con tecnologia multi-touch

Risoluzione 480×320 (163ppi)

I prezzi sono stati fissati in 299€ per il modello da 8Gb e 399€ per quello da 16Gb.


Gpay l’atteso Google phone

Il brevetto è stato pubblicato da pochi giorni, il 30 agosto, con un nome destinato ad alimentare curiosità: GPay. Vuoi vedere che c’è dietro Google? E infatti il sospetto trova subito conferma: si tratta di una nuova idea del colosso di Muontain View, ovvero un sistema di pagamento via sms.Tramite GPay il cliente può comprare una determinata merce inviando un
breve messaggio di testo via telefonino ad un server centrale, che poi
lo gira al venditore confermando l’esito della transazione.

continua qui [ilsole24ore.com]