Archivi categoria: politica

Elezioni 2008

Annunci

Amen

L’Aula del Senato boccia il premier Romano Prodi. Il Governo, dunque,
non ce l’ha fatta a superare la prova del Senato, dove la maggioranza
ha ceduto sotto i colpi di Mastella, Dini e Fisichella. I no sono stati
infatti 161, ai quali va sommata l’astensione del diniano Scalera, che
al Senato equivale a voto contrario. I sì sono stati invece 156. Tre
gli assenti, l’indipendente Pallaro e i senatori a vita Andreotti e
Pininfarina. Cinque i sì al governo Prodi dai senatori a vita (Carlo
Azeglio Ciampi, Emilio Colombo, Francesco Cossiga, Rita Levi Montalcini
e Oscar Luigi Scalfaro). Nella serata Prodi ha rassegnato le dimissioni
nelle mani del Capo dello Stato, che lo ha invitato, come di
consuetudine, a rimanere in carica per il «disbrigo degli affari
correnti». Il Quirinale ha comunicato che le consultazioni prenderanno
il via domani pomeriggio con i presidenti delle Camere.

Prodi Videogame

Senza considerare i voti dei senatori a vita la partita finisce 151 a 161…i conti non mi tornano. Ad ogni modo adesso sbrighiamoci a disbrigare…


Equazione

Diecimila napoletani hanno «assediato» ieri Palazzo Santa Lucia, dove
risiedono Antonio Bassolino e la sua giunta regionale. Diecimila che
hanno sfidato il maltempo, per urlare di andarsene, perché lui, il
sindaco Rosa Russo Iervolino, il premier Romano Prodi e il ministro per
l’Ambiente, Alfonso Pecoraro Scanio «hanno fallito», come recitava il
grande manifesto steso alle spalle del palco.

Sia chiaro questa è inutile “differenziarla”..



Venti di Guerra…

Sabato cinque navi hanno bloccato e minacciato via radio tre unità da guerra americane in acque internazionali, nello stretto di Hormuz.

Questa è la Portaerei Classe-Nucleare “Nimitz”:

Questi sono della Guardia Rivoluzionaria Iraniana – Elite Force:

che dire …..
a me pare lo scafetto dell’edenlandia di Napoli
BIG LOL


Cinesi preparano cyber-attacco

Si diffonde l’allarme guerra informatica. Il segretario della Difesa francese denuncia: “Siamo nel mirino dei pirati informatici da almeno 4 mesi” .

PARIGI – L’attacco cibernetico cinese contro i sistemi informatici delle potenze occidentali, soprattutto quelli di impiego militare, non ha risparmiato la Francia. Dopo gli Usa, la Gran Bretagna e la Germania, ieri si è scoperto che anche Parigi è finita nel mirino degli “hacker rossi” “almeno da quando è stato eletto presidente Nicolas Sarkozy”, e cioè da quasi quattro mesi. “Un affare molto serio”, ha dichiarato ieri a le Monde Francis Delon, segretario generale della difesa nazionale, che però è stato prudente sugli autori dell’attacco: “Non abbiamo indicazioni che provenga dall’esercito cinese”.

continua qui [repubblica.it]


Giustizie diverse secondo Bocca

Mussolini e Saddam due giustizie diverse

“Tacete voi che avete ucciso Mussolini dopo un processo di un’ora”, ha detto il governo iracheno all’Italia. Ma non è andata esattamente così. Mussolini è stato condannato dalla maggioranza del popolo italiano negli anni delle guerre inutili e sanguinose e soprattutto nei venti mesi della occupazione nazista e della collaborazione di Salò con Hitler. E se proprio si vuole una giustificazione legalistica Mussolini è stato giustiziato su ordine del Clnai, il comitato di liberazione nazionale che governava nell’Italia occupata.

L’ordine era di passare per le armi chi nel giorno della insurrezione generale si fosse opposto con le armi in pugno. E Mussolini fu catturato a Dongo mentre tentava di fuggire in Valtellina e da lì nella Germania ancora nazista.

continua qui [repubblica.it]

Certo che ci vuole una bella faccia tosta a parlare di diversità quando si parla di morte. Dare un senso a ciò che pensa(?) e scrive è impossibile. Due pesi, due misure e la solita fiuguraccia. Per essere chiari io sono contro la pena di morte, per chiunque.


Stavamo scarsi… (stevem’ scarz)

Biagio da Fazio “Torno su RaiTre fra qualche mese”

Il giornalista annuncia il suo rientro alla tv pubblica dopo che nel 2002 fu estromesso da Silvio Berlusconi. “Sarà un programma sugli italiani”. La conferma di Cappon: “Il contratto è pronto”
.
.
.
.